Sono trascorsi 50 anni esatti da quando un gruppo di appassionati di pittura e di arte decisero di organizzarsi.

Non ci furono molte discussioni per scegliere quale nome darsi: Circolo Amici dell'Arte... e il nome stesso fu una sorta di manifesto programmatico valido ancora oggi. Oggi infatti dopo cinquant'anni si sono ritrovati insieme gli amici che hanno percorso un tratto di strada o l'intero percorso lungo così tanti anni, per testimoniare la loro comune passione in questa mostra presso Villa Camperio a Villasanta. Il Presidente, Claudia Sala, ha inaugurato la mostra che raccoglie le opere dei rispettivi periodi di militanza degli artisti che hanno segnato la storia di questo sodalizio. In mostra quindi ritroviamo i lavori di pittori che non si sono più visti, o peggio che sono scomparsi, che tornano a incontrarsi nelle stesse sale a frequentare i vecchi amici del passato, insieme a chi più recentemente li ha seguiti nella comune passione. Ma, al i là dell'amarcord, la mostra è l'occasione per confrontare stili, modelli, gusti estetici che si snodano su di una passerella lunga 50 anni e, anche se il giudizio viene da chi è personalmente coinvolto, la mostra è interessante, curiosa e... bella!

Un momento di silenzio (merce preziosa al giorno d'oggi) è stato dedicato al ricordo di Giuseppe Veneroni, scomparso in questi giorni. Veneroni,che per lunghi anni è stato prima vicepresidente e poi, dal 1988 al 2000 presidente, ci aveva appenaconsegnato due sue fotografie da esporre e avremmo voluto salutarlo in ben altro modo...

Nella foto, da sinistra, l'Assessore alla cultura Massimo Maria Casiraghi, il Presidente del CAA Claudia Sala che ha curato la mostra insieme a Alberto Ferrari, Gilberto Galbiati e Gianni Di Paola; segue Gino Casiraghi, anch'egli già presidente del Circolo negli anni '70 e '80.

Durante la mostra una delegazione di Poste Italiane ha apposto lo speciale annullo filatelico alle cartoline celebrative del cinquantenario che sono disponibili per tutta la durata della mostra che resta aperta fino a domenica 4 novembre con i seguenti orari: feriali 15 - 18; sabato e festivi 9,30-12 e 15-18.